L’arte di ascoltare: l’ascolto attivo

Allenare la mente alla comunicazione: l’ascolto attivo (prima parte)
22 maggio 2011
Crescita personale e Flessibilità
6 giugno 2011

L’arte di ascoltare: l’ascolto attivo

Bentrovato in questa nuova tappa del nostro viaggio nel mondo della Crescita Personale e Relazionale. Oggi parliamo dell’arte di ascoltare e di come si ascolta attivamente. Che si tratti di coppia, famiglia, amicizia, lavoro, persino di una conversazione con un estraneo la capacità di saper ascoltare aiuta noi, l’altro e la relazione a crescere e migliorare. Ti lascio all’ottimo contributo di Rosaria Foglia e Gianuario Fiore, leggi anzi ascoltali attivamente!

Splendida Giornata a te!

Antonio

 

‘L’ascolto attivo consiste nella capacità di prestare attenzione a tutti gli aspetti della comunicazione del proprio interlocutore e consente di ricavare informazioni utili per migliorare la relazione’

 

L’ascolto attivo è un ATTEGGIAMENTO e una TECNICA, il cui scopo è quello di entrare in relazione profonda con l’altro permettendogli di esprimere se stesso completamente, di esplorare anche le parti di sé non consapevoli e di ampliare la propria mappa, trovare nuove risorse per cambiare.

 

L’ascolto attivo permette di apprendere informazioni non evidenti e segnali deboli, come potrebbero essere quelli emessi. Ci si mette in condizione di “ascolto efficace” provando a mettersi “nei panni dell’ altro”, cercando di entrare nel punto di vista del nostro interlocutore e comunque condividendo, per quello che è umanamente possibile, le sensazioni che manifesta.
Attenzione: da questa modalità è escluso il giudizio, ma anche il consiglio e la tensione del “dover darsi da fare” per risolvere il problema.

Lo sforzo necessario, per ascoltare attivamente, sarà di spostare l’interesse dal “perché ” l’altro dice, interpreta o vive una situazione al “come ” la dice: avendo e quindi mostrando interesse e comprensione (“sei importante, ho stima di te e ti riconosco, rispetto e condivido il tuo sentimento”).

 

Potrebbe succedere che chi parla, sentendosi ascoltato, tenterà di migliorare la comunicazione sia nella quantità che nella qualità a tutto vantaggio della ricchezza delle informazioni, del senso di sicurezza, della fiducia e dell’onestà.

I principali elementi che caratterizzano una buona pratica di ascolto attivo, sono:

  1. sospendere i giudizi di valore , cercando di non definire a priori il proprio interlocutore o quanto egli dice in ”categorie” di senso note e codificate
  2. osservare ed ascoltare, raccogliendo tutte le informazioni necessarie sulla situazione contingente, ricordando che il silenzio aiuta a capire e che il vero ascolto è sempre nuovo, non è mai definito in anticipo in quanto rinuncia ad un sapere già acquisito
  3. mettersi nei panni dell’altro – dimostrare empatia, cercando di assumere il punto di vista del proprio interlocutore e condividendo, per quello che è umanamente possibile, le sensazioni che manifesta
  4. verificare la comprensione, sia a livello dei contenuti che della relazione, riservandosi, dunque, la possibilità di fare domande aperte per agevolare l’esposizione altrui e migliorare la propria comprensione.
  5. La capacità di saper porre domande scegliendo la tipologia più adeguata in base alla fasi del colloquio:

          Le domande aperte sono da preferire nella fase iniziale del colloquio,lasciano ampia possibilità di risposta,         tendono ad ampliare e approfondire la relazione, stimolano l’esposizione di opinioni e pensieri (come, cosa vorrebbe, potrebbe, può approfondire, cosa ne pensa)?. 

         Le domande chiuse sono circoscritte, costringono ad una sola risposta specifica, spesso forzano una risposta, restringono e rendono più mirata la comunicazione, richiedono solo fatti oggettivi e a volte possono sembrare limitative e ostacolanti (sì o no?, va bene?, per responsabilità sua o di suo marito?). Le domande che iniziano con il perché possono essere percepite dalla persona come colpevolizzanti o accusatorie, pertanto andrebbero evitate.

 

 

 

ASCOLTO ATTIVO: CONSIGLI UTILI

 

  • Concentrarsi sull’interlocutore (interrompere le altre attività).

 

  • Mantenere contatto visivo (si ascolta attivamente anche con gli occhi).

 

  • Fornire cenni di attenzione (sì con il capo,uhm, postura protesa…).

 

  • Riformulare (parafrasare, doppiare) i concetti-chiave e verificare di aver colto adeguatamente la loro importanza e di averne compreso il significato, es. di PARAFRASI:

    SE HO CAPITO BENE, MI STAI DICENDO CHE……(ripeto i concetti espressi dall’interlocutore)?

    CORREGGIMI SE SBAGLIO? o MI PARE DI CAPIRE CHE?( Ripetere i concetti-chiave) 

 

           HO CAPITO BENE??? (così mi assicuro di aver compreso e do la possibilità all’altro di riascoltare ciò che ha detto e di aggiustare il tiro se vuole)

  • Fare domande aperte (COSA?, CHI PRECISAMENTE?, IN CHE MODO?, QUANDO? DOVE?) ossia che non implichino risposte si o no.
  • Stimolare la ricerca di soluzioni?non fornirne che è mooolto diverso!;-)


Rosaria Foglia e Gianuario Fiore

Se non lo hai fatto leggi il precedente post sull’ascolto attivo: allenare la mente alla comunicazione, l’ascolto attivo (prima parte)

7 Comments

  1. Anna70 ha detto:

    l’ascolto attivo è molto più complesso bisogna imparare delle tecniche ben precise col tempo spero di aquisirle ,oltre lo sguardo,la mente, ci mettero’ anche il cuore.
    a presto vittoria

  2. Antonio Q ha detto:

    Cara Vittoria,

    niente di più vero, per ascoltare attivamente e veramente qualcuno dobbiamo entrare in relazione empatica con lui, riuscire a sentire ciò che sente, percepire le sue emozioni ovvero avere la sincera voglia di ascoltare e… metterci il cuore!!
    Nelle relazioni umane la tecnica non è che uno strumento al servizio di un’intenzione… Stiamo
    molto attenti alle intenzioni.

    Grazie del tuo prezioso intervento.

    Splendida giornata a te!

    Antonio

  3. Maria F. ha detto:

    L’ascolto è fondamentale e purtroppo lo dimentichiamo troppo spesso.
    Io devo riconoscere che sono davvero lontana dall’ascolto attivo ma ora che so che fare ci provo.

    Antonio grazie a te e ai tuoi collaboratori che hanno scritto un ottimo articolo.

    Sto crescendo davvero con Ricomincio da me.

    Buona fortuna a voi.

  4. Antonio Q ha detto:

    Cara Maria F. felice di “rivederti”,
    quando conosciamo una nuova abilità e ci alleniamo diventa presto una nostra nuova abilità.

    Che dire ti ringrazio a nome mio e soprattutto di Rosaria e di Gianuario…che sono gli autori dell’ottimo articolo.
    Uno dei segreti che mi è stato insegnato e che cerco di applicare è
    “Circondati di persone più ingamba e più brave di te!”

    Se ti circondi di persone meno brave puoi essere adulato, alimenti il tuo ego ma fermi la ricerca e la crescita. Quando ti circondi di persone ingamba e più brave di te hai stimoli, insegnamenti, condivisione… cresce il tuo Sè e alimenti la ricerca.

    Grazie di cuore Maria!

    Splendida giornata a te!

  5. Venerdì ha detto:

    a volte non c’è nulla da commentare o da aggiungere . il discorso non fa una grinza. ascoltare non mi è mai risultato pesante. difficile invece è capire se quello che stai ascoltando è vero fino in fondo o hai difronte un commediante, un bugiardo per vocazione o uno che falsifica la realtà e neanche se ne rende conto. ecco, questo è senz’altro più complesso!

  6. Anonimo ha detto:

    non ho capito differenza tra ascolto attivo e riflessivo. Inoltre come faccio a non esprimere giudizi di valore, dipende da cosa dice l’altro. Se mi dice che vuole uccidere qualcuno, io cosa faccio ?

  7. Mauro ha detto:

    La via è la pratica nella vita quotidiana.p oi domandarsi se ci ha migliorati. Gli articoli di Antonio sono molto interessanti e offrono spunti utili.
    Per la pratica occorre volontá, me ne sto rendendo conto in questo periodo. Senza volontá(che è una parte dell’Amore verso se stessi e il prossimo) tutto o quasi decade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.