Dimagrire senza dieta

Esistono le coincidenze?
7 ottobre 2012
Cibo ed emozioni: mangia che ti passa!
9 novembre 2012

Dimagrire senza dieta

Questa domanda mi è stata posta da tante persone che ho seguito in coaching e da moltissimi lettori del blog . Nonostante lavori su questi aspetti da molti anni, ho approfondito negli ultimi tempi al meglio l’argomento e oggi posso dire che la risposta è sì!

La cosa davvero interessante è però che non solo è possibile ma è auspicabile dimagrire senza dieta poiché i dati dicono che:

– circa il 90% delle persone che seguono una dieta ipocalorica o non terminano il percorso o, se ottengono risultati a breve termine, rimettono i chili persi e tendono a prenderne anche di più.

– La dieta, come regime restrittivo e ipocalorico imposto, tende a far ingrassare.

Sembra strano ma è proprio così e del resto basta guardarsi intorno o attingere alla propria esperienza per vedere che è proprio così.

La domanda che sorge spontanea è “Perché?”

La risposta prevede diverse motivazioni:

  1. Il peso non è il frutto delle sole calorie che ingeriamo. Di conseguenza, un percorso di dimagrimento coinvolge testa, emozioni e corpo come del resto il nostro rapporto con il cibo.
  2. L’obiettivo spesso è vago o “sbagliato”. Perdere 5kg o 20kg non è ciò che vogliamo ottenere. Il vero obiettivo è raggiungere e mantenere la nostra forma migliore.
  3. Tornare in forma significa sentirsi bene, avere più energia, vedersi nel corpo che desideriamo maturando delle abitudini alimentari che ci soddisfino e ci diano piacere. 
  4. L’imposizione di regole e restrizioni crea a livello emotivo,  fisico e ormonale delle risposte che ci portano alla trasgressione smodata e al ripristino delle vecchie abitudini alimentari.
  5. Nell’affrontare questo percorso siamo soli e questo ci porta a perdere motivazione e stimoli e a credere di essere deboli e di non potercela fare

 

La dieta dunque, ovviamente non intesa nel suo vero significato di sane e piacevoli abitudini alimentari ma di regime ipocalorico imposto, procura almeno due grossi danni:

  • Ci fa ingrassare

 

  • ci fa sentire deboli, incapaci e soli

Il circolo vizioso che così non si spezza mai è dieta, abbuffata, nuova dieta, abbuffata… questo può durare una vita e purtroppo ci indebolisce sempre più. Se lo hai sperimentato lo sai.

Le domande fondamentali da porsi sono dunque:

  • Voglio perdere i famosi 5kg in 15 giorni con diete e prodotti che mi illudono o voglio cambiare e stare bene?

 

  • Voglio vivere una vita a rincorrere le diete del momento sperando sempre che questa risolva magicamente o voglio davvero mettermi in gioco per raggiungere il mio obiettivo in modo appagante e duraturo?

Dobbiamo puntare a risolvere il problema bene e per sempre, dobbiamo mirare la vero obiettivo: il benessere!

Ti auguro una splendida giornata!

Antonio

P.S. Citiamo una delle tante fonti: 

Coloro che tentavano di dimagrire, finivano per ingrassare.Se poi il tentativo veniva reiterato almeno una volta, le probabilità di ingrassare sono risultate doppie nei maschi, e oltre 5 volte nelle femmine.”

“Si, mettersi a dieta ti fa ingrassare, ma solo un pochino”, dichiara Kirsi Pietiläinen principale autrice  dello studio.

Ricerca Finlandese condotta dall’Unità di Ricerca sull’Obesità della Divisione di Medicina Interna di Helsinki.

12 Comments

  1. Licia ha detto:

    La dieta del sommelier, sempre soddisfatto e mai ubriaco!! :-))

  2. Maria F ha detto:

    Quanto è vero Antonio. Io sono anni che provo diete varie ma il risultato è sempre lo stesso e sono molto stanca di questa situazione. Hai ragione proprio mi sento sempre più delusa e incapace ogni volta che riprendo velocemente il peso. Grazie delle informazioni ma la mia domanda è allora come si fa?
    Fammi sapere di questo nuovo programma mi ineteressa davvero. Mi fido di te e di come lavori per tutti noi quindi so che sarà una cosa utile. Grazie.
    Maria

  3. Carmen ha detto:

    Caro Antonio tocchi un tasto dolente ora sto provando dei prodotti che sembra mi facciano perdere il peso che voglio ma forse hai ragione tu è solo una illusione e poi come sempre tornerò io con il mio peso. Uffa.

    Dimmi del programma che state facendo e speriamo che risolva.

    Carmen

  4. Splendida C. ha detto:

    Carissimo Antonio
    che bello leggere quello che hai scritto. Tu ricordi che ci siamo conosciuti proprio nel blog di Enrica che tratta di questo argomento. Da allora nulla è cambiato nel mio peso ma una cosa ho capito che è confermata dalle tue parole: il vero miracolo non è nei prodotti ma nelle persone e ora aggiungo, nei loro pensieri”. Da qualche tempo sto di nuovo curando la mia alimentazione e cerco di andare a camminare almeno 3 volte alla settimana. Tutto ciò non mi ha dato risultati nella diminuzione del peso ma sicuramente nel mio benessere generale.Appena ti ho letto mi è venuto in mente questo pensiero ” devo lasciarmi andare, devo gioire di questo benessere e pormi come obbiettivo di fare sempre del mio meglio, e smettere di pensare che quello che faccio deve essere finalizzato solo al dimagrimento.” Grazie per questo nuovo argomento che vuoi condividere con noi, in attesa di maggiori approfondimenti ti mando uno splendido saluto !!!!!

  5. Meg ha detto:

    Molto .. molto interessante!!! :)))

  6. Anonimo ha detto:

    Benissimo…..mi interessa molto conoscere questa nuova dieta efficace….! Ciao

  7. Rosa ha detto:

    Caro Antonio,
    ti seguirò senz’altro, aspetto di leggere gli altri post per saperne di più su questo tuo nuovo progetto di cui ho fiducia…leggerti mi fa sentire meno sola difronte a questo che è un problema irrisolto da ormai lungo tempo… A presto.

    Rosa

  8. Cris ha detto:

    E’ UN’ANNO CHE CI STO PROVANDO ……..E FINALMENTE CREDO
    DI ESSERCI RIUSCITA ! la forza della mente e le sane abitudini abbinate
    a esercizi di visualizzazioni e recitazione giornaliere di frasi che mi sono
    creata a puntino ,hanno fatto di me una donna felice ,forte e a quanto
    mi dicono gli amici cari anche molto dimagrita ! il mio peso non e’ calato molto ma i vestiti ballano ,devo dire che mi hanno aiutato anche i
    bagni derivativi ……se non sapete cosa sono ,ci sono libri che li spiegano molto bene ! ciao

  9. Mattia ha detto:

    Io da qualche tempo uso la dieta a zona che l’ho vista su questo sito: http://www.vitamincenter.it/dieta-a-zona.html
    Pero da questo che leggo qui bisogna rinunciare? Cosa mi consigliate di fare?

  10. Antonio Q ha detto:

    Mattia il 07/01/2014 12:38:07 ha scritto:

    Io da qualche tempo uso la dieta a zona che l’ho vista su questo sito: http://www.vitamincenter.it/dieta-a-zona.html
    Pero da questo che leggo qui bisogna rinunciare? Cosa mi consigliate di fare?

    Ciao Mattia,
    bisogna distinguere la dieta come restrizione autoimposta da un sano regime alimentare. Se la dieta che hai trovato la stai vivendo come un nuovo modo sano di alimentarti e ti senti motivata e attiva verso il tuo obiettivo non ti consiglio affatto di rinunciare. Se invece è un tentativo di trovare la soluzione magica tramite restrizioni e imposizioni, valuta tu.

    La valutazione finale è sempre personale e incentrata su come la “dieta” ci fa sentire. Cambiare le abitudini alimentari deve essere parte di un processo di benessere e di amore per se stessi altrimenti il rischio del fallimento è sempre dietro l’angolo.

    Ti ringrazio della condivisione.

    Ti auguro una splendida giornata!

    Antonio

  11. Marildeb ha detto:

    Caro Antonio ho trovato qst articolo molto interessante. Il mio rapporto col cibo è conflittuale, nn riesco più a seguire un piano alimentare perchè appena inizio provo senso di frustrazione, vuoto e tristezza. Dovrei perdere 10kg (ho consultato una nutrizionista) mi rendo conto che è salutare ma…mi manca la forza. Riconosco che sono dipendente nn vedo il cibo come soddisfazione di un bisogno ma come appagamento del desiderio..mi spiego meglio: es. se mangio le patate fritte le mangio fino a che si esaurisce l’appagamento del desiderio cioè fino a qnd sono così sazia da nn desiderle più (nn so se sn stata chiara). Quindi che succede anzichè dimagrire ingrasso, si attivano i sensi di colpa, mi trascuro e mi chiudo in me stessa. In qst riconosco la conflittualità: il cibo produce un piacere temporaneo si, ma…gli effetti sn deleteri. Mi piacerebbe ricevere una tua risposta in merito grazie

  12. Manuela ha detto:

    Caro Antonio, oggi ho letto per caso questo tuo articolo e non nego di essermi sentita chiamata in causa.
    Sei anni fa pesavo davvero troppo, ho perso 43 chili in due anni. Ero felice e stavo bene. Avevo accanto l’uomo dei miei sogni e sono andata avanti bene sino a quando lui non ha cominciato a lamentarsi perché insoddisfatto della vita che facevamo. Era densa di impegni soprattutto la sua ma non gli bastava, sino al giorno in cui è andato via. Sono passati 8 mesi e da allora ingrasso a vista d’occhio. Ho ripreso 25 chili! Non mi amo non amo più nulla. Sono rimasta senza lavoro e sono chiusa non solo in me stessa ma letteralmente in casa. Non esco perché mi sento a disagio…
    Il primo passo sarebbe quello di riuscire ad uscire di nuovo ma sono sola e non mi sento di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.