Come passare dal Sogno all’Obiettivo al Risultato (parte seconda)

Come passare dal Sogno all’Obiettivo al Risultato (prima parte)
12 ottobre 2010
Impariamo a risolvere i nostri “problemi irrisolvibili”
17 ottobre 2010

Come passare dal Sogno all’Obiettivo al Risultato (parte seconda)

Abstract earth hoovering over an open hand with sky background

Parliamo di obiettivi e sviluppo personale

Strategia di Walt Disney. 
Come abbiamo visto nel post precedente sulla motivazione personale e la realizzazione degli obiettivi le abilità necessarie per trasformare i sogni in obiettivi e realizzarli sono: sognare, criticare, realizzare. Vediamole nel dettaglio.

La capacità di sognare è necessaria per formare idee e obiettivi nuovi, ha a che fare con l’abilità di vedere con chiarezzanella propria mente mete desiderabili, si focalizza cioè sul che cosa.

La capacità realistica è indispensabile per trasformare i concetti in espressioni concrete, ha a che fare con l’abilità di sentire in che modo realizzare l’obiettivo, si concentra cioè sul come.

La capacità critica è necessaria per filtrare le idee e ridefinirle, individuare cioè cosa non funzionerà, chi si opporrà, eventuali fasi di stallo.

Ma, come sostiene Robert Dilts, tutto questo, diventa veramente potente ed efficace solo quando le tre posizioni non si sostituiscono l’una all’altra o si contaminano l’una con l’altra.

O ancor peggio ci si cristallizza in un’unica percezione. Privo del sostegno del realista, il sognatore non è in grado di tradurre le sue idee in espressioni tangibili. Il critico e il sognatore da soli, senza il contributo del realista, non possono che restare prigionieri di un perenne conflitto. Il sognatore e il realista possono creare un’idea, che però senza il critico rischia di non essere davvero buona. Il critico, d’altro canto, senza il realista e il sognatore non è che un “distruttore”

Pensate quando tutti i nostri sogni sono subito criticati e contaminati dalle nostre convinzioni limitanti, “mi piacerebbe diventare…. O realizzare…. Ma…. non posso…, non ce la farò mai…, non ho l’età per…., non ho le competenze…., non so se…., etc,”, o quando vincolo il sogno solo alla realizzazione senza criticare “mi piacerebbe prendere la laurea in psicologia a 50 anni e per questo devo studiare tutti i giorni 10 ore al giorno dopo il lavoro” senza, valutare cioè le possibili conseguenze e rendere l’obiettivo congruente con i propri valori e convinzioni cioè “chi si opporrà, ce la farò? Etc.

Se Critico senza sognare, cannibalizzerò i miei sogni e quelli degli altri. Molto probabilmente il critico assoluto ha smesso di sognare..

Sognare

L’attenzione deve essere sul “cosa….”

Lo stile cognitivo dovrà essere quello della “Visione sul futuro”

L’atteggiamento quello del “tutto è possibile”

 

Esercitiamoci concretamente:

SOGNA

Lasciandoti andare e pensando di avere a disposizione un genio capace di esaudire tutto quello che vuoi, descrivi un sogno professionale che vorresti realizzare e/o hai sempre voluto realizzare e pensavi fosse impossibile per TE.

Concentrati cioè sul cosa vorresti realizzare, vediti nel futuro a fare e/o diventare quello che hai sempre voluto. Come se…. Fosse per te tutto possibile.

P.S.

Ricordati, in questa fase si sogna….  E basta!!!! . Non criticare (pensando che sia stupido, difficile, impossibile, inutile, etc.)

Ricordati che sogniamo “per immagini”, vediamo cioè delle situazioni specifiche e concrete che ci fanno sentire in un certo modo. Quindi sognare di essere felici è sempre associato a situazioni concrete, ad immagini specifiche. Il sogno è sempre l’espressione positiva e specifica di un azione concreta, non si può sognare ad esempio di non voler lavorare al chiuso, questo è ciò che non voglio. La visione del sogno potrà essere in tal caso “vorrei diventare guida alpina” e vedermi che scalo una montagna.

Chiediamoci poi:

perché voglio raggiungere il sogno professionale e perché è per me così importante? (quali valori sostengono il sogno)

Almeno 5 valori

 

Quali effetti otterrò dall’aver raggiunto l’obiettivo?

Almeno 5 effetti

CRITICA

Il livello di attenzione è centrato sul perché

Lo stile cognitivo: prevale la logica orientata ad evitare le difficoltà e ad analizzare eventuali problematiche il raggiungimento dell’obiettivo.

Atteggiamento: si riassume in “cosa accadrebbe se succedesse un problema?”

 

Ci si dovrà chiedere se una parte di noi si oppone al raggiungimento dell’obiettivo, cioè se lo vogliamo congruentemente con tutto noi stessi, se ne vale la pena. Poi se non sappiamo come arrivare a raggiungere l’obiettivo, valutare cioè eventuali aree oscure e ostacolanti nella strada da percorrere per raggiungere l’obiettivo, cosa cioè potrebbe non funzionare, cosa o chi potrebbe opporsi.

Chiediamoci poi se crediamo che sia per noi possibile raggiungere l’obiettivo e quindi se vogliamo intraprendere la strada.

 

REALIZZA

Il livello di attenzione della fase realista è sul “come”

Lo stile cognitivo è centrato a definire i passi da compiere

L’atteggiamento è: “agisci come se il sogno potesse essere realizzato”

Ci si dovrà concentrare sullo specificare al massimo l’obiettivo per scomporlo in piccoli obiettivi o steps realizzativi e poi individuare le strade possibili, le risorse interne e ambientali, tempificare i vari steps.

Concretamente e specificamente quale è il mio obiettivo professionale che voglio raggiungere?

Come mi accorgerò di averlo raggiunto?

In quanti micro-obiettivi lo posso suddividere?

Come mi accorgerò di aver raggiunto tutti i piccoli micro obiettivi?

Chiedersi da dove si parte e cosa serve per arrivare all’obiettivo da realizzare e come procurarsi il cosa.

“Quale strada intendo percorrere?, in quanto tempo?”

Condividi questo post su facebook e dai la possibilità ad altri di confrontarsi con i proprio obiettivi e di provare questa nuova strategia!

Dopo aver risposto a tutte le domande facci sapere com’è andata!!

A prestissimo!

L’autore – Massimo Carrozza

11 Comments

  1. Maria F. ha detto:

    Mi sono resa conto che io mischio davvero tutto. Critico mentre sogno e non penso mai a realizzare. Da domani provo a dividere le fasi, quando sogno sogno. Chissà se ci riuscirò, vi farò sapere! Per ora Grazie veramente utile, bravi!

  2. Splendida C. ha detto:

    Però devo imparare a sognare in silenzio… capita anche a voi che quando condividete un vostro sogno, un progetto, per quanto semplice sia, chi vi sta ad ascoltare non vi dia nemmeno il tempo di finire che vi ha già smontato con tutte le difficoltà che incontrerete?
    Il mio primo passo sarà: SOGNA IN SILENZIO
    Parlerò solo quando mi sarò data io il tempo per criticarmi.

  3. Teresa ha detto:

    Condivido pienamente e posso garantire per esperienza personale che funziona! Personalmente utilizzo molto la visualizzaione associata ad affermazioni del tipo: “Intendo creare questa cosa e so che ci riuscirò. Mi rifiuto di pensare a ciò che non può succedere perché attrarrò esattamente quello che sto pensando, quindi penserò solo a ciò che accadrà”…e continuo a ripetermelo ogni giorno anche più volte al giorno; a tutto questo aggingo una buona dose di emozioni positive e ovviamente occorre l’azione. Sembra difficile all’inizo ma quando comprendi il meccanismo tutto arriva al momento giusto :)))

  4. Cinzia ha detto:

    credere nei propri sogni lasciando andare ciò che pensano o come giudicano gli altri. 🙂

  5. Alessandra ha detto:

    grazie, molto utile e interessante anche io mischio tutto,e sogno a voce alta…….mettero`in pratica e vi faro`sapere!
    a presto,
    grazie

  6. Joker ha detto:

    Ciao Antonio… tutti i tuoi articoli mi stanno aiutando a scoprire un nuovo modo di vivere e di comportarmi! Però l fatto stesso di stare cambiando, anche se in meglio, crea in me una serie di aspettative che spesso mi bloccano. Alcune volte mi capita di avvertire come una “pressione” di dover far qualcosa di nuovo, di dimostrarmi di che cambiato e voglia di conoscere nuove persone. In alcuni casi diventa una spinta a migliorarmi, in altri si trasforma in ansia o delusione quando non ci riesco. Grazie in anticipo!

  7. Antonio Q ha detto:

    Joker il 27/11/2013 21:51:56 ha scritto:

    Ciao Antonio… tutti i tuoi articoli mi stanno aiutando a scoprire un nuovo modo di vivere e di comportarmi! Però l fatto stesso di stare cambiando, anche se in meglio, crea in me una serie di aspettative che spesso mi bloccano. Alcune volte mi capita di avvertire come una “pressione” di dover far qualcosa di nuovo, di dimostrarmi di che cambiato e voglia di conoscere nuove persone. In alcuni casi diventa una spinta a migliorarmi, in altri si trasforma in ansia o delusione quando non ci riesco. Grazie in anticipo!

    Innanzitutto grazie della condivisione Joker.
    Quando inziiamo un percorso di cabiamento volontario e diretto verso ciò che crediamo migliorativo per noi, capita che vogliamo correre, affrettarci, fare tutto e subito, provare sempre cose nuove per paura di sentirci fermi. In realtà conviene ricordare a noi stessi che “la via è la meta”. Se per raggiungere l’obiettivo roviniamo il viaggio con ansia, pressioni, aspettative… non abbiamo ottenuto molto.
    L’unica cosa che sento di dirti è rallenta… goditi ogni passo. Passa dal correre al passeggiare verso il tuo miglioramento.
    Passa dal fare tanto e tutto insieme a muovere piccoli passi, uno per volta, nella direzione giusta.

    Spero di averti risposto e ti auguro una splendida camminata verso il tuo miglioramento.

    Antonio

  8. laura ha detto:

    Grazie mille!
    pianificare al dettaglio non è mai stato il mio forte e forse farlo per iscritto con chiarezza aiuta a far chiarezza anche mentale! sono sempre stata bravissima a sognare, di più a criticare dimenticando di agire..
    è ora di mettersi all’opera!…
    che avventura!!
    ancora grazie

  9. PIA ha detto:

    Interessante e come al solito fa pensare, ma io voglio veramente raggiungere un’obiettivo? e quale? forse ormai alla mia età (67) ho perso il giro e l’opportunità. Tanti sogni sono ormai irrealizzabili, professionali non ne parliamo, semmai il mio obiettivo potrebbe essere di aver maggior libertà da impegni gravosi e non di mettermene altri. Ecco questo potrebbe essere un bell’obiettivo, se riuscissi a togliermi del lavoro di amministrazione che ora mi comincia a pesare, potrei pensare di avere più tempo libero, a quel punto veramente potrei pensare di fare un mio laboratorio di ceramica. Bellissimo ci devo pensare, grazie Pia

  10. Ela ha detto:

    Sogno… sogno ogni giorno, naturalmente li critico, e accantono da qualche parte nella mente …lavoro, coerenza e tanta pazienza ….e alla fine vedo fiorire miei sogni..grandi o piccoli …mi rendo conto che ci sono dei sogni che sono difficili da realizzare nella mia vita…ma nel mio piccolo continuo…ogni tanto mi piace guardare indietro per vedere quanta strada ho fatto…e sono incredula. Quello che mi blocca e la paura di espormi …ma sono troppo curiosa e voglia di cambiare e fuggire dai schemi in qualche modo mi porta sempre avanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.